Siti del circuito Teknoring


  homepage/ / Acciaio da collezione

Acciaio da collezione

Di
Pubblicato sul Canale Recall il 14 maggio 2010

I protagonisti della storia dell’arte e del design non sono semplicemente i personaggi consacrati dai canali ufficiali della storiografia. Oggi è il collezionismo a creare dei corridoi di notorietà e di autorevolezza che la critica, per pigrizia, non percorre. A volte è la risonanza sul mercato che consente loro di essere spostati sulle orbite della cultura ufficiale, secondo meccanismi non codificabili.

Si tratta spesso di figure “minori” – ma noi preferiamo il termine “alternative” – che spesso si muovono lungo la linea dell’affinamento linguistico e della sperimentazione poetica.

Nel mondo del modernariato, una delle firme più sofisticate e originali è certamente quella di Maria Pergay. A riprova del fatto che si tratta di un outsider rispetto al design, di lei non si sanno molte cose. Solo che è una signora francese classe 1930. Per lei parlano i suoi lavori, caratterizzati da una grande intensità espressiva.

Per i collezionisti di arredi (che sono stati) d’avanguardia, la Pergay è una presenza di riferimento. Ha disegnato mobili di piccola taglia, sedute e lampade. Il tratto distintivo? L’uso potente e vigoroso dell’acciaio in lastra. I suoi pezzi presentano inclinazioni variabili, come il pop o gli effetti da pezzo scultoreo.

Maria opera ancor oggi, ma la sua stagione d’oro è stata il periodo compreso tra la seconda metà degli anni ’60 e i ’70. Nel clima generale del linguaggio spaziale e radical, lei attribuisce ai manufatti (mai industriali, bensì in serie limitata e comunque supportati da superbe lavorazioni dell’acciaio) una forte individualità poetica.


Photo Gallery



Articoli consigliati

Più visitati i più visitati in recall Archivio

  • Next Landmark 2014 in mostra a Milano

    Next Landmark 2014 in mostra a Milano

    Fino al 9 ottobre SpazioFmg espone vincitori e finalist...

    Continua a leggere..
  • Da Daniel Libeskind un 'dono' per Como

    Da Daniel Libeskind un 'dono' per Como

    The Life Electric, monumento-tributo ad Alessandro Volt...

    Continua a leggere..
News In Evidenza