Siti del circuito Teknoring


  homepage/ / Replay Papermate

Replay Papermate

La penna cancellabile compie 33 anni

Di
Pubblicato sul Canale History il 28 giugno 2012

Compiono 33 anni, le storiche penne Replay, le più amate dagli scolari, soprattutto delle scuole elementari, troppo inclini a errori sulle loro pagine. Spesso bandite dalle maestre e insegnanti, le Erasermate, prodotte dalla PaperMate, azienda di proprietà del colosso Gillette, furono brevettate il 27 giugno 1979.

Le cosiddette “penne cancellabili” furono l’asso nella manica dell’azienda americana, più volte sfidata dalla casa francese Bic, che con penne a sfera a 19 centesimi, rasoi usa e getta e accendini, sferrava duri colpi alla Gillette.

Dopo aver operato un sostanziale abbattimento dei prezzi al dettaglio e dopo dieci anni di ricerche e esperimenti, la Gillette lanciò sul mercato le Erasermate, penne a sfera per il largo consumo, con inchiostro cancellabile. Il primo modello era ricaricabile, ma fu presto sostituito da quello usa e getta. Attraverso il processo di pressurizzazione, che consentiva di scrivere da qualunque angolazione della punta, l’inchiostro si rendeva cancellabile entro 24 ore. Trascorso questo periodo di tempo, diveniva indelebile come quello di qualunque penna. Il successo del prodotto, sebbene fosse stato messo in dubbio più volte, fu enorme: i profitti Gillette crebbero in due anni e la Replay iniziò a essere prodotta anche nelle filiali europee e brasiliane della Gillette.

L’estetica delle Replay Papermate era molto simile a quella delle Write Bros, sempre della stessa casa, ma la peculiarità, il tratto distintivo a renderle uniche era la piccola gomma di 5 mm di diametro posta sulla sommità del tappo, che indicava che nessun errore era irreparabile. Almeno se corretto entro 24 ore.

C.C.



Articoli consigliati

Più visitati i più visitati in history Archivio

  • Se la banca diventa una 'casa'

    Se la banca diventa una 'casa'

    La scommessa del Gruppo Cariparma Credit Agricole affid...

    Continua a leggere..
  • Cantina Podernuovo, il progetto di Alvisi Kirimoto

    Cantina Podernuovo, il progetto di Alvisi Kirimoto

    Lo studio Alvisi Kirimoto firma la Cantina Podernuovo n...

    Continua a leggere..
  • Il Guggenheim di Helsinki fa il pieno di proposte

    Il Guggenheim di Helsinki fa il pieno di proposte

    Cifra record di proposte per il nuovo museo Guggenheim ...

    Continua a leggere..
  • Il logo di Fifa World Cup 2018 in Russia

    Il logo di Fifa World Cup 2018 in Russia

    Curato da Brandia Central, il logo dei campionati mondi...

    Continua a leggere..
News In Evidenza